• RSS
  • youtube
Home  -  Italia  -  Università: quando sono i professori a prendere i voti

Università: quando sono i professori a prendere i voti

Baroni, raccomandati, docenti bravi... si può scoprire quanto valgono i cattedratici? Due siti lo fanno. Panorama ha controllato chi c'è e chi manca. Parecchie le sorprese. LEGGI ANCHE: Università, dal Senato sì al dl Gelmini. Dagli studenti ancora proteste

Università: quando sono i professori a prendere i voti Università: quando sono i professori a prendere i voti
di Redazione

Di Elena Porcelli

C'è chi dà i voti ai professori universitari. E i risultati sono su internet, consultabili da chiunque abbia voglia di sapere se sotto il tocco c'è un pozzo di scienza o solo un barone più dedito agli intrallazzi che alla ricerca. I siti più apprezzati a livello internazionale sono due: Isi Thomson , che fornisce i punteggi se si paga un abbonamento, e Harzing , che è gratuito e aperto a tutti.

Entrambi si basano sul cosiddetto impact factor . In pratica ad avere il punteggio più alto sono quei ricercatori le cui scoperte vengono citate molte volte negli articoli di altri studiosi. Questo vuol dire che si tratta di idee che hanno un forte impatto nel mondo scientifico e costituiscono il punto di partenza per i progressi successivi. Per dimostrare l'importanza dell'impact factor, Isi Thomson tira a indovinare i nomi dei possibili vincitori del premio Nobel prima che vengano annunciati ufficialmente e ci azzecca spesso: quest'anno ha fatto centro per la chimica, la medicina e l'economia.

Nei paesi anglosassoni gli indici di impatto, come quelli forniti da Harzing e Isi Thomson, sono tenuti in gran conto quando si assegna una cattedra universitaria, soprattutto nelle facoltà scientifiche. In Italia la situazione varia a seconda delle discipline. "Nei concorsi della mia materia" dice a Panorama Vincenzo Balzani , professore ordinario di chimica generale e inorganica all'Università di Bologna, "l'impact factor è la prima cosa che guardiamo per valutare un candidato".

È più autorevole Isi Thomson o Harzing? "Lo sono tutti e due, in modo diverso" risponde il docente. "Il primo tiene conto solo delle pubblicazioni più recenti e segnala chi sta lavorando bene al momento, il secondo dà una visione più ampia dell'intera carriera, perché tiene conto di tutte le pubblicazioni presenti su Google Scholar, il motore di ricerca specializzato nelle pubblicazioni scientifiche".

Balzani è fra gli 83 studiosi italiani presenti nel sito Isihighlycited.com , che è basato sui punteggi Isi Thomson ed elenca i ricercatori che si classificano tra i 250 a più alto impatto nella propria materia al mondo. La lista riserva alcune sorprese. Non ci sono, per esempio, l'oncologo Umberto Veronesi e il Nobel per la fisica Carlo Rubbia , ai quali Harzing attribuisce invece un h-index (punteggio che misura l'impact factor) ragguardevole: 62 al primo e 44 al secondo.

David Pendlebury, uno dei "citation analyst" di Thomson Reuters, cioè un professionista che si occupa di spulciare le riviste scientifiche e contare le citazioni, spiega così le assenze: "Nel caso di Rubbia si tratta di quel fenomeno che i sociologi della scienza chiamano obliterazione per incorporazione. La scoperta delle particelle W e Z da parte del fisico italiano è stata assorbita così rapidamente e profondamente dalla comunità scientifica che gli addetti ai lavori la danno per scontata. Del resto succede lo stesso con la teoria della relatività: gli scienziati la usano sempre ma nessuno cita Albert Einstein, tanto tutti sanno chi è". Per Umberto Veronesi è diverso, ammette Pendlebury: "I suoi lavori più citati sul tumore al seno risalgono alla fine degli anni Novanta, ma la lista è stata preparata sulla base delle pubblicazioni tra il 1981 e il 1999, per cui il grosso delle sue citazioni non è stato contato. Ci stiamo aggiornando e presto avrà il posto che gli spetta".

Questo dimostra che gli indici di impact factor basati sulle citazioni non sono affidabili al 100 per cento. Anne-Wil Harzing, docente di management interculturale e internazionale all'Università di Melbourne e ideatrice del programma Publish or perish (Pubblica o muori) , liberamente scaricabile dal suo sito www. harzing.com, confessa a Panorama: "Uno studioso che ha un punteggio alto è sicuramente molto bravo. Ma non vale l'inverso. Chi, per esempio, studia un argomento molto ristretto o scrive in lingue diverse dall'inglese può avere poche citazioni malgrado il valore dei suoi lavori".

Molti studiosi anglosassoni hanno il provincialismo di leggere e citare quasi solo le ricerche scritte nella loro lingua (spesso non ne conoscono altre). "Per questo noi scienziati pubblichiamo solo in inglese" commenta Balzani "ma non si può certo pretendere lo stesso dagli umanisti".

Questo provoca strane differenze tra studiosi. Umberto Eco , ordinario di semiotica a Bologna, ha un rispettabile h-index di 27, Tullio De Mauro , autore del celebre dizionario e docente ordinario di linguistica italiana alla Sapienza, un misero 3. "Penso che dipenda dal fatto che le ricerche di Eco sono state tradotte in inglese mentre De Mauro ha pubblicato quasi solo in italiano, e che pochi dei suoi lavori sono su internet" spiega Harzing. "Publish or perish, infatti, non cerca le citazioni, si limita a elaborare quelle trovate da Google Scholar, che, a differenza di Isi Thomson, tiene conto di più riviste e anche dei libri, ma non è affatto perfetto".

Piergiorgio Odifreddi

Il matematico impertinente Piergiorgio Odifreddi sconta con un 5 la scelta di dedicarsi più alla propaganda antireligiosa che ai numeri. I filosofi Giulio Giorello e Massimo Cacciari rimediano un 2. E lo psicoanalista Umberto Galimberti li eguaglia tristemente.

Nelle facoltà umanistiche italiane, per questo motivo, gli indici non sono tenuti in grande considerazione. E per le materie giuridiche non ne esistono, né di internazionali, anche perché avrebbero poco senso, visto che ogni paese ha il proprio sistema giuridico, né di nazionali. Per valutare un docente bisogna affidarsi ad altri strumenti. "In ogni caso" sostiene Harzing "secondo me il giudizio deve sempre essere olistico. Ci sono studiosi poco citati nelle riviste scientifiche che hanno un impatto importantissimo sulla vita delle persone. Per esempio, in Australia abbiamo sociologi che hanno cambiato il modo in cui le aziende trattano le donne e gli immigrati. Non sempre il contributo di un docente al progresso si può misurare con un numero".

Le idee di un filosofo o di un economista, pubblicate su un giornale a larga diffusione, possono cambiare la politica e la società di una nazione, eppure questo non fa salire il suo h-index o l'Isi Thompson.

L'impact factor, infatti, è misurato esclusivamente sulla base delle citazioni nelle riviste "peer reviewed", cioè quelle pubblicazioni scientifiche specializzate che accettano solo articoli approvati da due o più autorevoli esperti della materia, ufficialmente ignari dell'identità dell'autore.

Tenuto conto di questi limiti, sarebbe utile introdurre per legge la valutazione dell'impact factor nei concorsi per le discipline scientifiche e tecniche? "Certo" risponde il prorettore del Politecnico di Milano Giovanni Azzone "perché introdurrebbe un elemento di trasparenza. Tuttavia non può essere l'unico fattore. Noi preferiamo valutare i dipartimenti del Politecnico chiedendo ai massimi esperti mondiali di ciascuna materia di esaminare le pubblicazioni dei nostri ricercatori. E in base ai loro giudizi assegniamo i finanziamenti per gli anni successivi. Secondo me anche lo Stato dovrebbe fare così: invece di tagliare i fondi per la ricerca indiscriminatamente, potrebbe assegnare i soldi solo alle università con i risultati migliori. Allora le altre sarebbero spinte davvero a darsi da fare".

Gli indici di impact factor valutano la ricerca ma c'è qualcuno che verifica che i docenti sappiano anche insegnare? A livello individuale il controllo in Italia avviene una volta sola: il concorso da professore associato prevede anche una prova didattica, durante la quale il candidato deve tenere una lezione davanti alla commissione, che gli dà il voto. Poi basta. Alcune facoltà distribuiscono questionari anonimi sui professori agli studenti, però i risultati non hanno effetti concreti sulla carriera di quelli che risultano noiosi, assenteisti o eccessivamente esigenti.

Gli unici punteggi internazionali che tengono conto della didattica vengono dati alle università, non ai singoli docenti. Per esempio dai siti www.arwu.org e www.timeshighereducation.co.uk . Tra i fattori considerati nella valutazione dell'ateneo, oltre ai risultati delle ricerche, c'è il numero di ex studenti che sono diventati alti funzionari o top manager, oppure l'opinione dei direttori del personale delle più importanti aziende del mondo.

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook

Sondaggio

  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    Di fronte ai gravi problemi di salute che provocano gli impianti alla cittadinanza tarantina, non è meglio pensare di...

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni

  • Seleziona una delle voci del sondaggio

  • Hai già votato per questo sondaggio

  • Altri sondaggi
  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    I Risultati:

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe
    • 0%

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni
    • 0%

  • Altri sondaggi
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Documento senza titolo


    • Cosa si dice su #DiPietro

TOP 10 DI PANORAMA Italia

ITALIA