• RSS
  • youtube
Home  -  Italia  -  Università, bilanci e l'insostenibile peso del mattone

Università, bilanci e l'insostenibile peso del mattone

La Bocconi di Milano, l’Università di Firenze e quella di Genova: tutte accomunate da affari immobiliari finiti male. Che ora appesantiscono i conti. LEGGI ANCHE: Al voto il decreto Gelmini: bagarre in Senato e scuole in piazza - La Gelmini star di Facebook tra proteste e sostenitori - I siti della protesta - La cura Gelmini, punto per punto . Partecipa al FORUM

Università, bilanci e l'insostenibile peso del mattone Università, bilanci e l'insostenibile peso del mattone
di Gianluigi Nuzzi

Conventi mal gestiti, inquilini abusivi e discussi finanzieri. Consigli d'ateneo fra compravendite spericolate, cause e fallimenti. La regola aurea che ognuno faccia solo il proprio mestiere viene spesso disattesa nei templi del sapere. E quei rettori che s'avventurano sui mercati immobiliari spesso rischiano d'affondare.

Per averne un'idea basta spulciare il bilancio dell'Universita Bocconi di Milano , solitamente considerata la migliore universita d'economia italiana.

L'incubo dell'ateneo assume il profilo di Filippo Alberto Rapisarda, controverso finanziere siciliano con base operativa a Milano, gia latitante 7 anni a Parigi e protagonista negli anni Ottanta e Novanta di processi per bancarotta e diatribe giudiziarie infinite con Marcello Dell'Utri e la Cassa di risparmio di Asti. Dopo una vertenza durata quasi 10 anni, la Bocconi eredita da Rapisarda immobili intestati a un gruppo di societa fallite, a saldo di un credito erogato negli anni Novanta per oltre 43 miliardi di lire. In sintesi: prima Rapisarda incassa con la sua Findar (poi fallita) la somma dalla Spaf, controllata dall'ateneo tramite la Finanziaria 2000 srl, dopodiche cede delle proprieta per saldare il debito. Tra queste un imponente palazzo appena dietro piazza San Babila. Per l'ateneo, piu che un affare, sono sabbie mobili.

Fra occupazioni abusive e quelle che il capufficio stampa della Bocconi, Barbara Orlando, definisce "altre forme di ostruzionismo", l'universita rivende subito e a basso prezzo. Con una minusvalenza pesante: 6 milioni di euro. Ma come mai una societa della Bocconi eroga questo denaro a un finanziere inquisito? Le risposte sono contraddittorie. "Si e trattato di un'unica e sfortunata compravendita immobiliare" dice la Bocconi. Dagli atti del fallimento Findar si legge che "i finanziamenti sono derivati da societa facenti capo al professor Guatri (all'epoca, ndr) rettore dell'Universita Bocconi". Firenze vende invece e senza fortuna gli argenti di famiglia per far fronte al disavanzo. Il complesso piu pregiato e Villa La Quiete, antico convento delle suore Montalve, dove visse l'ultima delle Medici.

La cessione non soddisfa le esigenze di bilancio. Dei 42 milioni pattuiti con l'acquirente Regione Toscana l'universita ne ha incassati finora appena 3. Situazione fotocopia per Villa Favard Lungarno, venduta alla Fondazione della Cassa di risparmio. Mancano all'incasso 13,9 milioni sui 20 della vendita. Cosi a Firenze per far fronte alle previsioni di passivo (per il 2009 si potrebbe arrivare a 107 milioni) si studiano alienazioni.

Ne sono previste per 85,4 milioni, compresi complessi agricoli al Mugello. Bulimia del mattone invece a Genova: l'ateneo si trova con 40 milioni di debiti dopo un decennio caratterizzato dall'acquisto di palazzi che, seppur appena ristrutturati, perdono gia i pezzi. Gli studenti attendono novita dalla procura sull'acquisto nel 2001 del palazzo ex Eridania: l'ateneo sborso 35 miliardi per un edificio pagato 7 mesi prima da un'immobiliare la meta.

LEGGI ANCHE: Al voto il decreto Gelmini: bagarre in Senato e scuole in piazza - La Gelmini star di Facebook tra proteste e sostenitori - I siti della protesta - La cura Gelmini, punto per punto . Partecipa al FORUM

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook

Sondaggio

  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    Di fronte ai gravi problemi di salute che provocano gli impianti alla cittadinanza tarantina, non è meglio pensare di...

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni

  • Seleziona una delle voci del sondaggio

  • Hai già votato per questo sondaggio

  • Altri sondaggi
  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    I Risultati:

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe
    • 0%

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni
    • 0%

  • Altri sondaggi
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Documento senza titolo


    • Cosa si dice su #DiPietro

TOP 10 DI PANORAMA Italia

ITALIA