• RSS
  • youtube
Home  -  Italia  -  Pd, nel partito della fusione fredda si scaldano gli animi

Pd, nel partito della fusione fredda si scaldano gli animi

Il countdown per le primarie è cominciato, ma tra i sei candidati è lite aperta sulle regole, con accuse incrociate e infuocate. I nodi? Peso dei partiti, verticismo, elenchi dei votanti, liste, duelli in tv. Con un dubbio finale: chi paga?

Tag:  centrosinistra circoli democratici Ds Enrico-Letta

di Matteo Durante

Adesso anche Enrico Letta sa  che sugli elenchi delle primarie aleggia il segreto. Non di Stato, ma quasi: le liste sono top secret, chiuse "in un armadio. E nessuno, neanche Veltroni, può consultarle senza il via libera di tutte le forze della coalizione", dice il tesoriere diessino Ugo Sposetti, rispondendo alla provocatoria ma ufficiale richiesta di Enrico Letta e Mario Adinolfi di tirare fuori le liste dei cittadini che parteciparono alle primarie dell'Ulivo, il 16 ottobre 2005.

Nell'armadio dovrebbero dunque esserci quei dischetti. Fine del mistero? E dei sospetti? Sì, ma la polemica sugli indirizzari è solo uno degli ingredienti della battaglia per le primarie.  Mancano circa 65 giorni al via della corsa per la leadership del futuro partito democratico e messo così il Pd non sembra possa contare su un futuro sereno. E non solo per la corsa per la leadership ma anche per il malumore per come sta maturando il progetto che ha ormai contagiato tutti e tutte le questioni.

La contesa infatti infuria sul peso degli apparati di partito. Ieri il diessino Goffredo Bettini, grande elettore del sindaco , ha difeso Walter Veltroni: "La sua candidatura nasce proprio contro il pericolo del verticismo". Ma perché Bettini si è sentito in dovere di intervenire? Non solo perché Walter e famiglia sono in vacanza per due settimane alla Maldive. Più probabile perché, nonostante i proclami della vigilia, il Partito Democratico si sta sempre di più caratterizzando come una sommatoria tra Ds e Margherita. A denunciarlo sono proprio i principali protagonisti di questa avventura. Sabato 4 agosto è stato il ministro dello Sviluppo Economico Pierluigi Bersani (che ha dovuto rinunciare a correre a fianco di Enrico Letta) a mettere in guardia dal rischio di un "eccessivo verticismo" . Rischio che preoccupa un altro ministro Ds, Vannino Chiti: "Un partito che ha l'ambizione di essere nuovo - ha detto in un'intervista all'Unità di domenica 5- non può essere vittima di meccanismi verticistici fatti a tavolino e calati dall'alto". Se più o meno tutto viene deciso nelle stanze chiuse dei due partiti di maggioranza , naturale che a rimanere tagliata fuori sia la società civile, la vera sconfitta di questo avvio. Dei tre candidati alla leadership, per potenza mediatica e rilevanza politica, tre sono considerati pesi massimi (Veltroni, Bindi e Letta) e tre sono pesi piuma: Jacopo Gavazzoli Schettini (finanziere), Piergiorgio Gawronski , economista che si presenta contro la casta partitica e il giovane Mario Adinolfi , (il blogger che ha lanciato la "generazione U: "La U di Ulivo, di Unione, di U2 e di Ue"): nomi e volti, questi ultimi, che dicono poco al popolo che andrà a votare il 14 ottobre. Anche per questo Enrico Letta, un big , si è lamentato, durante la sua campagna "Sette temi per sette spiagge" (al sottosegretario sembra piacciano più gli improvvisati incontri al mare che le kermesse in stile Lingotto): "Sto facendo una campagna sui contenuti , ma è bene dire qualcosa anche sulle regole che potevano essere migliori. Sono state costruite non intorno alla società civile ma intorno all'idea del Candidato Unico" (leggi Walter Veltroni). Le primarie per lui devono essere "un'operazione che parte dalla base, dagli elettori e non dal vertice".

Altro terreno di scontro in vista del 14 ottobre: le liste. Tutti ne vorrebbero una e gli accordi sottobanco sarebbero già in stadio avanzato. A parte il listone Ds-Margherita che appoggerà il sindaco di Roma e che dovrebbe rispecchiare l'accordo tra la Quercia e i Popolari di Fioroni e Marini, ci sono i teodem della Margherita, i "coraggiosi" di Francesco Rutelli , c'è Ciriaco De Mita, ci sono gli under 30, le donne e chi più ne ha più ne metta. Inoltre Quercia e Dl si sarebbero già equamente divisi le segreterie regionali del Pd (in particolare in Lombardia, Emilia, Toscana, Lazio), come più volte denunciato da Rosy Bindi e su cui ha ironizzato anche il prodiano Franco Monaco: il territorio, a suo dire, "è esattamente il terminale delle logiche spartitorie romane" che hanno stabilito "12 segretari regionali ai Ds e 8 ai Dl". Ultimo caso scoppiato, quello della Lombardia, con i rutelliani irritati per l'applicazione del ticket anche in Regione (il ventinovenne segretario regionale dei Ds Maurizio Martina e la margheritina Patrizia Toia, sostenuti da Letta). Come se non bastasse le liste sono rigorosamente bloccate e senza preferenza. Esattamente quello che prevede l'attuale legge elettorale nazionale. Una "porcata" che l'Unione vorrebbe cambiare a tutti i costi.

L'ultima ferita aperta, il confronto tv. Rosy Bindi ha lanciato il guanto di sfida a Walter Veltroni mandando su tutte le furie gli altri candidati per il suo "singolare concetto di democrazia". Marcia indietro e tutti d'accordo: bene il confronto tv. Ma Enrico Letta avanza dubbi: "Chissà se Veltroni ci starà".

Nel tentativo di arginare il "gallinaio", non hanno invece avuto dubbi quelli del Collegio dei Garanti del Pd che hanno pubblicato sul sito ulivo.it il "Regolamento di autodisciplina" per la campagna elettorale delle primarie, che dovrà essere "sobria, contenuta nei costi" e non ammettere "propaganda a pagamento su radio, tv e giornali" ma solo manifesti o mezzi informativi regionali e locali, dibattiti, tavole rotonde conferenze eccetera, con un tetto di spesa fino a 250mila euro per i candidati segretari nazionali, 50mila per gli aspiranti segretari regionali, 5mila per i componenti dell'Assemblea. Ci sarà un'ulteriore guerra su come e dove i candidati andranno a battere cassa?

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook

Sondaggio

  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    Di fronte ai gravi problemi di salute che provocano gli impianti alla cittadinanza tarantina, non è meglio pensare di...

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni

  • Seleziona una delle voci del sondaggio

  • Hai già votato per questo sondaggio

  • Altri sondaggi
  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    I Risultati:

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe
    • 0%

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni
    • 0%

  • Altri sondaggi
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Documento senza titolo


    • Cosa si dice su #DiPietro

TOP 10 DI PANORAMA Italia

ITALIA