• RSS
  • youtube
Home  -  Italia  -  La lunga estate dei divieti: la mappa (aggiornata) delle ordinanze più strane d'Italia

La lunga estate dei divieti: la mappa (aggiornata) delle ordinanze più strane d'Italia

Dal divieto del fumo (isola d'Elba) a quello per l'alcool; no al kebab (nel bergamasco) e al "burkini" (a Varallo). Ma anche niente baci in auto e stop al gelato in piazza: si allunga la lista (sono ormai più di 150) di proibizioni disposte con semplice ordinanza dei sindaci, molti dei quali leghisti, in base alla normativa prevista dal "pacchetto Maroni". Un elenco in alcuni casi bizzarro. Ecco una MAPPA aggiornata. MULTIMEDIA: Polemiche sul burkini

La lunga estate dei divieti: la mappa (aggiornata) delle ordinanze più strane d'Italia La lunga estate dei divieti: la mappa (aggiornata) delle ordinanze più strane d'Italia

Tag:  alcol burkini comuni divieti estate

di Alessandro Patrono

Quella lunga estate calda del 2009 verrà ricordata (oltre che per le temperature sopra la media) anche come la stagione del "non si può".

I Comuni ne hanno inventati di tutti i tipi con ordinanze e sanzioni ad hoc. Sono ormai più di 150 i divieti emanati dai primi cittadini in base alla normativa prevista dal "pacchetto Maroni" , un elenco in alcuni casi alquanto bizzarro.

L'ultimo divieto in ordine di tempo riguarda il "burkini", il bikini islamico (che ha fatto la sua comparsa a Verona, suscitando polemiche e timori), vietato nelle piscine e lungo i fiumi e i torrenti di Varallo Sesia (Vercelli). Lo stabilisce un'ordinanza del sindaco Gianluca Buonanno, parlamentare della Lega Nord . Chi contravverrà al divieto di indossare il costume intero unito a un copricapo pagherà una multa di 500 euro.

Dopo Lucca, in Toscana, niente kebab nel centro storico di Capriate , paesino del bergamasco. Lo esclude una delibera della giunta leghista che vieta l'apertura di locali pubblici gestiti da immigrati. Il divieto non vale per gli italiani che vorranno aprire pub o ristoranti.

Ecco una MAPPA aggiornata con le altre ordinanze più strane:

No smoking under 16

A Capoliveri, nell'isola d'Elba, dal 25 agosto è in vigore un'ordinanza che punisce i minori di 16 anni sorpresi in luogo pubblico a fumare o anche solo in possesso di tabacco con multe dai 250 ai 500 euro. Già in vigore nello stesso comune il divieto di bere alcolici. A Verona, nel luglio dello scorso anno, un uomo è stato multato per 50 euro, "colto in flagrante" mentre fumava una sigaretta in un parco cittadino. L'esempio del sindaco scaligero è stato seguito dalle amministrazioni di Bolzano e Napoli. Quest'ultima, con un provvedimento che risale al 18 novembre 2007, ha ampliato il divieto di fumo ai luoghi all'aperto, quindi anche parchi comunali, in presenza di lattanti e bambini fino a 12 anni, nonche' di donne in stato di gravidanza.

Panchine e aiuole

In provincia di Savona è vietato mangiare nelle aree comunali di Alassio e sdraiarsi nelle aiuole ad Albisola Marina. A Sorrento gli artisti di strada non possono sostare nello stesso punto più di 15 minuti e i ristoratori non possono avvicinare i turisti per invitarli a sedersi con "forma petulante e molesta". A Voghera non ci si può sedere sulle panchine dopo le 23 in più di 3 persone mentre, sempre in tema di panchine, a Viareggio non ci si possono poggiare i piedi sopra.

Pordenone - Siete per le strade del centro di Pordenone, e vi ritrovate (purtroppo) a litigare con il/la vostro/a partner o un amico? State attenti: rischiate una multa da 25 a 500 euro. Perché? Perché sono vietati gli assembramenti di persone nelle vie principali del paese "che assumono atteggiamenti o fanno cose che non consentono la fruizione degli spazi pubblici da parte di altri cittadini". Anche se solo in due.

San Remo - "Carta d'identità, prego". Chi si siederà sui bordi delle aiuole o dei vasi di fiori che decorano la città, potrebbe sentirsi dire questa frase.

Perché il Sindaco di Sanremo ha stabilito il divieto di seduta in città per "mantenere il decoro", salvo poi offrire dispense ai minori di 12 anni e ai maggiori di 60. I vigili, a controllare le età, avranno un bel da fare.

Ravenna - Musica sulla spiaggia? Sia mai. A Ravenna dite pure addio ai pianobar e ai cantanti che animavano le serate dei lidi del lungomare: il sindaco ha detto no. A loro e agli spettacoli di ballo (accompagnati da musica). Un'ordinanza che si affianca a quella anti-alcool, che impedisce di consumare bevande alcoliche in bicchieri o bottiglie di vetro sulla spiaggia. Tanto da spingere i giovani a un singolare metodo di consumo: bere direttamente dai secchielli di plastica, quelli dei giochi da bambinoDite pure addio ai gelati mangiati in compagnia per le strade della città, chiaccherando con gli amici. Ma anche agli spuntini veloci, alle bevande, al buon latte di mandorla siciliano. Un'ordinanza del sindaco risalente allo scorso settembre ha infatti vietato "sostare per consumare cibo e/o bevande, banchettando e/o abbandonando ogni minimo rifiuto". E se per ovviare alla fame dovesse venirvi voglia di cantare, fermatevi: rischiate multe fino ai 500 euro.

Termoli - I fiori non devono piacere, in Molise. Almeno al sindaco di Termoli, che ha stabilito con un'ordinanza che tutti i vasi e le fioriere che occupano indebitamente il suolo pubblico vanno rimossi.

A meno che, ovviamente, non si voglia pagare per abbellire la città con un po' di verde.

Cortina d'Ampezzo - Hanno fatto scuola, a Cortina d'Ampezzo: niente camper in centro. Meglio: niente camper in città. Un modo per incentivare l'affitto turistico di case e appartamenti in loco, aumentando in questo modo la circolazione del denaro in città? Il divieto è partito lo scorso anno. E quest'anno, anche Sanremo ne ha seguito l'esempio.

Eraclea (Venezia) - La delibera risale al 2004: vietati i giochi che possono arrecare disturbo agli altri bagnanti e che impediscano l'uso comune della spiaggia. E quindi, per estensione, no alle buche nella sabbia e ai castelli che hanno accompagnato l'infanzia di molti di noi: "anche fare buche che modificano in modo pericoloso la percorribilità a piedi della spiaggia diventa un gioco molesto".

Capri - È un'ordinanza del 1960, ma a quanto pare a nessuno interessa toglierla: gli estivi zoccoli fanno troppo rumore, e sull'isola campana non si possono usare. I turisti dovranno dirottare la loro attenzione su scelte più... ovattate.

Genova - Dall'8 agosto scorso, non si può passeggiare con una bottiglia di bevanda alcolica in mano, tra i carrugi del centro storico. Se è ormai scattato il divieto di vendere alcolici ai minori di 16 anni a Milano, a Roma non si può mangiare davanti alla Fontana di Trevi, così come a Venezia non lo si puo' fare seduti sui gradini dei monumenti.

Lucca - Dar da mangiare ai piccioni può costare fino a 500 euro di multa, stessa sanzione un bacio in auto a Eboli: 500 euro.

Vicenza - In controtendenza, i divieti decide di toglierli. Il 13 agosto 2008, un uomo che leggeva un libro sdraiato sul prato è stato multato di 50 euro, in base a un'ordinanza del 2002. Il Comune l'ha perdonato e ha deciso di permettere ai cittadini di "stendersi sull'erba: cosa che tranquillamente avviene in tutti i più bei parchi del mondo".

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook

Sondaggio

  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    Di fronte ai gravi problemi di salute che provocano gli impianti alla cittadinanza tarantina, non è meglio pensare di...

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni

  • Seleziona una delle voci del sondaggio

  • Hai già votato per questo sondaggio

  • Altri sondaggi
  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    I Risultati:

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe
    • 0%

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni
    • 0%

  • Altri sondaggi
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Documento senza titolo


    • Cosa si dice su #DiPietro

TOP 10 DI PANORAMA Italia

ITALIA