• RSS
  • youtube
Home  -  Italia  -  Italia cicala: il bonus euro sprecato nella spesa. La denuncia della Corte dei Conti

Italia cicala: il bonus euro sprecato nella spesa. La denuncia della Corte dei Conti

L'allarme della magistratura contabile: l'elevata pressione fiscale ha "implicazioni negative" sullo sviluppo dell'economia. Estesa l'area dell'evasione. Il nodo della spesa corrente e la riduzione del debito pubblico. Cresce la corruzione e restano ancora aperti 110 enti considerati inutili. Il VIDEO servizio

Italia cicala: il bonus euro sprecato nella spesa. La denuncia della Corte dei Conti Italia cicala: il bonus euro sprecato nella spesa. La denuncia della Corte dei Conti

Tag:  cartolarizzazione corruzione Corte-dei-Conti Fulvio-Balsamo Furio-Pasqualucci

di Redazione

 

L'Italia? Una cicala. A differenza di Germania e Francia, in dieci anni (dal '97 al 2007) ha "disperso" nella spesa pubblica il bonus di 70 miliardi che aveva risparmiato aderendo all'Euro. Questo uno dei messaggi contenuti nella relazione della Corte dei Conti sul Rendiconto generale dello Stato . L'euro ha consentito al nostro paese di ridurre il peso della spesa per interessi sul pil di più di quattro punti "poco meno di 70 miliardi di euro", ha spiegato il relatore della Corte, Fulvio Balsamo . Ma, mentre Germania e Francia hanno ridotto la spesa corrente (rispettivamente di 3,6 punti e di 0,7 punti), "in Italia la spesa corrente primaria e cresciuta di 1,5 punti" e molto più della metà dell'intero bonus dell'euro "è stato disperso in incrementi della spesa pubblica complessiva, anziché per alleggerire il fardello del debito pubblico".

Per questo è urgente ridurre la spesa pubblica italiana nei "grandi comparti", con regole rigide che la mantengano "su tassi di incrementi inferiori al tasso di crescita del Pil" altrimenti c'è il rischio di "dover necessariamente rinunciare al progetto di allentare gradualmente la pressione fiscale, il cui anomalo livello non è privo di implicazione negative sullo sviluppo delle attività produttive e sulla allocazione dei fattori della produzione".

Ci sono poi le pensioni. La Corte è preoccupata per il mancato adeguamento dei "coefficienti di trasformazione": servono a correggere i trattamenti in base all'aumento della speranza di vita e "il mancato adeguamento produrrebbe un aggravio sui conti nel lungo periodo". Agire ora eviterebbe problemi in futuri. C'è poi il nodo stipendi pubblici. Il miglioramento registrato dai conti è dovuto al congelamento di fatto dei contratti per due anni. Per la Corte andrebbero rafforzati le connessioni tra retribuzioni e produttività. Erano già previsti dal memorando del giugno 2007 ma poi, rilevano i magistrati, gli impegni "sono stati disattesi dai contratti collettivi stipulati nel 2007 e nei primi mesi dell'anno in corso". La corte segnala inoltre che i dirigenti non vengono sottoposti ad valutazione annuale e che gli stipendi sono lievitati.

Eppure, un percorso "virtuoso" di riduzione del debito pubblico "non è impossibile" ed è "la sfida" che attende questo governo e quelli futuri, ha detto poi il procuratore generale della Corte dei Conti, Furio Pasqualucci. Allo "sforzo" per ridurre il debito pubblico "può contribuire la graduale vendita del patrimonio pubblico, che rappresenta valori attivi stimati in 1.800 miliardi e quindi superiori al debito stesso", ha sottolineato il procuratore Pasqualucci.

Altro tema è quello dei costi della politica: sono ancora in vita 110 enti inutili, che da circa 50 anni si cerca di cancellare; le Province, poi, spendono più di quanto incassano e, oltre alle comunità montane, ci sono 6.000 degli Comuni con meno di 5.000 abitanti, concentrati soprattutto in Piemonte e in Lombardia. Andrebbero accorpati, spiega la Corte che sembra suggerire come anche le piccole poste servono a migliorare i conti.

Il VIDEO servizio:

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook

Sondaggio

  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    Di fronte ai gravi problemi di salute che provocano gli impianti alla cittadinanza tarantina, non è meglio pensare di...

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni

  • Seleziona una delle voci del sondaggio

  • Hai già votato per questo sondaggio

  • Altri sondaggi
  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    I Risultati:

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe
    • 0%

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni
    • 0%

  • Altri sondaggi
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Documento senza titolo


    • Cosa si dice su #DiPietro

TOP 10 DI PANORAMA Italia

ITALIA