• RSS
  • youtube
Home  -  Italia  -  Forconi: la protesta dei tir si allarga. Il nostro inviato a Catania - VIDEO

Forconi: la protesta dei tir si allarga. Il nostro inviato a Catania - VIDEO

E' una giornata difficile per chi si sposta in auto; i blocchi degli autotrasportatori stanno infatti creando disagi un po' ovunque

Forconi: la protesta dei tir si allarga. Il nostro inviato a Catania - VIDEO Forconi: la protesta dei tir si allarga. Il nostro inviato a Catania - VIDEO
Il blocco dei Tir alla barriera di Caserta dell' autostrada. La protesta e' scattata per contestare il rincaro del gasolio, l'aumento dei pedaggi autostradali e dell'Irpef. Lo sciopero andra' avanti per cinque giorni.(Credits: ANSA)
di Barbara Massaro
tir1
La barriera dell'A1 a Caserta

Caserta, Bari, Pescara, Bologna, Bergamo, Torino: il tam tam dei Forconi rimbalza di tir in tir e lo sciopero degli autotrasportatori  rischia di paralizzare l'Italia. "Sulla Sicilia non si poteva infierire oltre - ha dichiarato Mariano Ferro - leader del Movimento di protesta che per una settimama ha messo il ginocchio l'isola. Strade bloccate, viabilità compromessa, niente benzina, niente cibo ai supermercati e soprattutto centinaia di migliaia di persone che gridano la loro disperazione alle orecchie del paese intero.

Guarda il reportage realizzato in Sicilia dall'inviato di Panorama, Antonio Rossitto (riprese e montaggio Antonio Condorelli).

"Faremo la rivoluzione - aveva profetizzato Martino Morsello l'altra voce guida del Movimento dei Forconi - e di fatto quello che sta succedendo in queste ore su strade e autostrade si avvicina molto al concetto di moto di piazza tanto che il governo si è detto preoccupato e il ministro degli interni Annamaria Cancellieri ha spiegato che la situazione è in costante evoluzione e viene monitorata di ora in ora perchè "potrebbe degenerare". In Sicilia restano ancora picchetti nella zona sud-orientale, tra Modica, Comiso, Caltagirone, Enna e Ragusa, ma al momento la prima linea della protesta è appostata in trincea tra Campania a Lazio: caselli dell'A1 bloccati a Cassino, Frosinone, Ferentino e Caianello e Anagni. Code sulla Salerno-Reggio Calabria, proteste in tutta la Calabria.

In Puglia la situazione più difficile è sulla tangenziale di Bari praticamente paralizzata. Le diramazioni Roma est, nord, sud sono presidiate dalla Polizia Locale per evitare il blocco del traffico. Sono 60 i presidi in tutta la penisola. Risalendo lo stivale si sono uniti al movimento gli autotrasportatori abruzzesi con presidi a Pescara, Sasso Marconi e in Val Di Sangro; e poi ancora segnalati picchetti a Bologna San Lazzaro e in zona fiera. I caselli di Forlì sono chiusi in entrambe le direzioni, lunghe code a Cesena e Rimini.

Sulla Firenze-Pisa-Livorno traffico rallentato a Montecatini. A Genova forti rallentamenti tra l'A7 e l'A10. A Torino il movimento sta bloccando l'imbocco della Milano -Venezia e anche a Bergamo gli autotrasportatori stanno creando disagi al traffico per chi vuole entrare od uscire dalla A/4. Un'adesione superiore alla aspettative hanno fatto sapere dal coordinamento e che sembra aumentare di ora in ora. Autostrade per l'Italia consiglia agli automobilisti di informarsi via internet, radio o telefono prima e durante il viaggio perché esiste il rischio di blocchi improvvisi oin altre parti del paese.

L'idea è quella di marciare simbolicamente su Roma in settimana, a seconda di come evolve questa protesta spontanea che al momento rifiuta ogni tipo di politicizzazione e che unisce i lavoratori in un moto di orgoglio contro le regole della crisi che impongono sacrifici non proporzionati - dicono loro - alle reali possibilità di gente che lavora tanto e non guadagna abbastanza.

In Sicilia, dov'è partita la protesta dei Forconi intanto a seconda della città la situzione va lentamente migliorando dopo lo stop della scrosa settimana. Guarda il reportage realizzato in Sicilia dall'inviato di Panorama Antonio Rossitto

La fotogallery della giornata sulle autostrade:

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook

Sondaggio

  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    Di fronte ai gravi problemi di salute che provocano gli impianti alla cittadinanza tarantina, non è meglio pensare di...

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni

  • Seleziona una delle voci del sondaggio

  • Hai già votato per questo sondaggio

  • Altri sondaggi
  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    I Risultati:

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe
    • 0%

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni
    • 0%

  • Altri sondaggi
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Documento senza titolo


    • Cosa si dice su #DiPietro

TOP 10 DI PANORAMA Italia

ITALIA