• RSS
  • youtube
Home  -  Italia  -  Decine di treni a rischio in Italia. Ecco la mappa interattiva

Decine di treni a rischio in Italia. Ecco la mappa interattiva

La strage di Viareggio occupa tutte le prime pagine dei giornali in edicola e on line. Dopo la cronaca arrivano le inevitabili polemiche. Ecco i punti più pericolosi sulla rete ferroviaria italiana, gli incidenti sconosciuti alla cronache, le tragedie sfiorate nel mese di giugno. Guarda la MAPPA e il VIDEO: un minuto dopo l'esplosione - LA GALLERY - LEGGI ANCHE: La Rete commenta le critiche a Berlusconi

Decine di treni a rischio in Italia. Ecco la mappa interattiva Decine di treni a rischio in Italia. Ecco la mappa interattiva
di Redazione

Il Giornale » Inchiesta sulla sicurezza
Macchinistisicuri » Gli incidenti mortali in Italia
Miol.it » I 10 problemi della rete ferroviaria. I dettagli. Le foto

La strage ferroviaria di Viareggio occupa tutte le prime pagine. E dopo la cronaca arrivano le inevitabili polemiche. Il Corriere della Sera punta il dito sui nuovi pericoli. Ogni giorno ci sono 35 treni ad alto rischio . Trasportano gas, acido solforico, zolfo. Viaggiano sulla rete ordinaria, spesso di notte.

Anche Il Giornale punta l'attenzione sulla sicurezza. Sicurezza, il libro nero: tre anni di incidenti : si dà conto di motrici deragliate, vagoni di traverso, disastri sfiorati. Salta fuori un dossier elaborato dai macchinisti preposti al trasporto merci su rotaia: un elenco degli incidenti sconosciuti alla cronache e delle tratte più a rischio.

Nella sua edizione in edicola, Il Giornale pubblica anche un'infografica con le zone critiche della rete ferroviaria italiana. Ve la riproponiamo qui in una versione multimediale.

Repubblica mette l'accento sulle polemiche , i controlli mancati, le omissioni da individuare, il j'accuse del procuratore: "Un disastro non per caso". Le ipotesi di reato sono omicidio colposo plurimo e incendio colposo. Ora dovrà fare luce l'inchiesta aperta dalla procura di Lucca.

Il video un minuto dopo l'esplosione

Le tragedie sfiorate a giugno

Il disastro di Viareggio è stato preceduto, nel mese di giugno, da altri due incidenti avvenuti sempre in Toscana, che hanno bloccato a lungo la linea ferroviaria, sfiorando, in alcuni casi, la tragedia.

6 giugno: un cavo della linea elettrica aerea si stacca e colpisce il locomotore di un treno Intercity partito da Milano, rompendo uno dei finestrini anteriori. Le schegge feriscono al volto, lievemente, uno dei macchinisti. L'incidente succede nella galleria Val di Sambro, tra Bologna e Firenze, in una zona tristemente famosa per le stragi dell'Italicus (1974) e della vigilia di Natale (1984). L'Intercity riesce a uscire dal tunnel e ad arrivare alla stazione di Vernio (Prato), ma un altro treno rimane bloccato in galleria per due ore circa. Pesanti ripercussioni su tutto il traffico ferroviario.

22 giugno: due vagoni di un treno merci deragliano a Vaiano (Prato) urtando un Intercity regionale, ma senza conseguenze per i passeggeri. Uno dei vagoni era una cisterna piena di acido fluoridrico. Il traffico ferroviario rimane bloccato per più di 4 ore e riprende poi su un solo binario, con ritardi enormi.

Le informazioni per chi viaggia

Sono stati attivati tue numeri verdi per rispondere agli inevitabili disagi dei treni dopo l'esplosione a Viareggio. Il numero 800.892.021 attivato dalle Ferrovie dello Stato: informazioni sul servizio dei bus sostitutivi. Il numero verde regionale 800.570.530: informazioni sui ritardi e sui blocchi del traffico ferroviario. Il numero verde 800.732.911 è stato invece attivato dal Comune di Viareggio: qui è possibile avere informazioni "relative all'incidente ferroviario, danni, vittime, interventi".

LA GALLERY

LEGGI ANCHE: La Rete commenta le critiche a Berlusconi

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
10
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook

Sondaggio

  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    Di fronte ai gravi problemi di salute che provocano gli impianti alla cittadinanza tarantina, non è meglio pensare di...

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni

  • Seleziona una delle voci del sondaggio

  • Hai già votato per questo sondaggio

  • Altri sondaggi
  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    I Risultati:

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe
    • 0%

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni
    • 0%

  • Altri sondaggi
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Documento senza titolo


    • Cosa si dice su #DiPietro

TOP 10 DI PANORAMA Italia

ITALIA