• RSS
  • youtube
Home  -  Italia  -  Crematori inquinanti? Sequestri e denunce da Nord a Sud

Crematori inquinanti? Sequestri e denunce da Nord a Sud

Accertamenti nei circa 50 impianti italiani per verificare il rispetto delle normative ambientali su gestione dei rifiuti ed emissioni in atmosfera. LEGGI ANCHE: Bombe e avvertimenti, a Milano fa paura il racket del caro estinto

Crematori inquinanti? Sequestri e denunce da Nord a Sud Crematori inquinanti? Sequestri e denunce da Nord a Sud

Tag:  carabinieri cimitero cremazione emissioni Noe

di Redazione

 

L'operazione è stata vasta, su scala nazionale: in tutta Italia, da Nord a Sud i carabinieri dei Nuclei operativi ecologici (Noe) hanno compiuto accertamenti presso i circa 50 impianti di cremazione presenti in Italia per verificare il rispetto delle normative ambientali su gestione dei rifiuti ed emissioni in atmosfera.

Diversi i sequestri portati a termine e le denunce.

A Roma, all'interno di uno dei cimiteri comunali, i carabinieri hanno sequestrato un locale adibito al raffreddamento ed alla successiva frantumazione dei resti umani provenienti dai forni crematori, denunciando due persone per emissioni in atmosfera in assenza di autorizzazione, e gestione illecita di rifiuti.

A Napoli, i carabinieri del Noe partenopeo, presso l'obitorio giudiziario del Policlinico Federico II , hanno denunciato cinque persone, di cui due funzionari pubblici, ritenute responsabili di gestione illecita di rifiuti in quanto avrebbero consentito la promiscuità di rifiuti costituiti da capi di vestiario delle spoglie e bare per il trasporto.

A Firenze i militari del Noe hanno sequestrato un'area adibita a deposito incontrollato di rifiuti costituiti da materiale ferroso ed edile e da casse di zinco provenienti da attività di estumulazione.

Inoltre, a Montecorvino Pugliano (Salerno), i militari hanno sequestrato un impianto di cremazione del valore di circa 1.200.000 euro, denunciando il legale rappresentante della società per assenza di autorizzazioni previste.

A Padova i carabinieri di Venezia hanno sequestrato cinque cassette contenenti resti mortali derivanti dalla cremazione. In un'urna è stata riscontrata la commistione dei resti di tre salme delle complessive cinque cremate nella giornata precedente. Due dipendenti della società che gestiva il forno crematorio sono stati denunciati per distruzione, soppressione e sottrazione di cadaveri.

A Mantova, i militari di Trento hanno sequestrato 100 fusti di polveri di abbattimento dei fumi degli impianti crematori, filtri esausti e ceneri di combustione denunciando un imprenditore per gestione illecita di rifiuti.

A Novara i carabinieri di Torino hanno sequestrato un impianto crematorio denunciando un imprenditore per averlo attivato in assenza della prescritta autorizzazione.

A conclusione delle verifiche compiute, i carabinieri dell'ambiente hanno denunciato 45 persone cui vengono attribuite presunte responsabilità sia per la cremazione delle salme sia per la gestione illecita dei rifiuti derivanti, nonché per inottemperanza alle prescrizione degli atti autorizzativi, mancata compilazione della documentazione di supporto tecnico ed emissioni in atmosfera in assenza di autorizzazione.

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook

Sondaggio

  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    Di fronte ai gravi problemi di salute che provocano gli impianti alla cittadinanza tarantina, non è meglio pensare di...

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni

  • Seleziona una delle voci del sondaggio

  • Hai già votato per questo sondaggio

  • Altri sondaggi
  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    I Risultati:

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe
    • 0%

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni
    • 0%

  • Altri sondaggi
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Documento senza titolo


    • Cosa si dice su #DiPietro

TOP 10 DI PANORAMA Italia

ITALIA