• RSS
  • youtube
Home  -  Italia  -  Caro-Benzina: a Milano traffico in calo, crescono i mezzi pubblici

Caro-Benzina: a Milano traffico in calo, crescono i mezzi pubblici

Caro-Benzina: a Milano traffico in calo, crescono i mezzi pubblici Caro-Benzina: a Milano traffico in calo, crescono i mezzi pubblici
Gian Mattia D'Alberto - LaPresse16-01-2012 Milano, ItaliacronacaEntrata in vigore dell'Area C per il centro di Milanonella foto: un varco di ingressoGian Mattia D'Alberto - LaPresse16-01-2012 MilannewsTne new Area C zonein the photo: the C Area

Tag:  ATM benzina caro benzina Google News Milano

di Redazione

di Alessia Sironi

Il caro-benzina sta davvero influenzando così tanto la vita degli italiani? E in una città cosmopolita come Milano, quanto davvero influisce sulle abitudini delle persone, cittadini o pendolari che siano?

Difficile dire se il motivo del cambiamento sia dovuto proprio il caro-benzina, quel che è certo, è che le tradizioni stanno cambiando. Si è infatti passati da interminabili code in auto – negli orari di punta nulla di più facile che ritrovarsi tutti a leggere il giornale aperto sul volante – e domeniche ecologiche per cercare di diminuire le polveri sottili e lo smog alle stelle, a una diminuzione delle auto in città del 30%.

Cos’è successo? Come mai ora la situazione si è ribaltata? Dopo Roma , per capirlo abbiamo controllato i dati del traffico di Milano e delle principali arterie di autostrade e tangenziali che la circondano e poi abbiamo confrontato i dati con quelli di Atm (Azienda di trasporti pubblici milanesi) e di Trenord, la società che gestisce la rete ferroviaria utilizzata da migliaia di pendolari ogni giorno.

Oltre a una diminuzione di auto a doppia cifra, si è constatato un incremento degli abbonamenti ATM del 33% per i mensili e del 20% per quelli annuali con un milione di passeggeri in più  a gennaio. Non solo. Sono raddoppiati gli abbonamenti di bike sharing con oltre 1800 biciclette in circolazione e prelievi con punte che superano le 5mila.

Inoltre anche per quanto riguarda il car sharing vi sono segnali molto incoraggianti: a febbraio sono stati 380 i nuovi iscritti rispetto ai 110 dello stesso mese dello scorso anno, un numero quasi triplicato che porta a 5mila il totale degli abbonati.

Ma certamente il prezzo della benzina, oggi il più alto in Europa, non sta dando una mano. Siamo arrivati in Lombardia a pagare 1,858 e 1,769 euro rispettivamente per un litro di benzina o di diesel.

Il vero cambiamento però si avverte soprattutto sulle strade che portano al capoluogo lombardo. I responsabili del traffico autostradale e delle Tangenziali intorno a Milano confermano una riduzione del traffico per auto e mezzi pesanti.

Nel periodo di settembre-dicembre 2011 si è registrato un -4% rispetto allo stesso periodo del 2010, che già era in calo rispetto al 2009. Insomma, ogni giorno circolano decine di migliaia di auto e tir in meno, sia attorno che dentro la città.

Non è dato sapere se la colpa o il merito di tutto ciò sia dell’introduzione dell’area C (che ha obbligato una sostanziale regolamentazione di veicoli privati e commerciali nella cerchia dei bastioni) o del caro-benzina (che sta letteralmente mettendo in seria difficoltà tutto il Paese) o della crisi che riduce consumi e posti di lavoro. Quel che è certo è che, per ora, il giornale preferiamo leggerlo seduti comodamente su un mezzo pubblico anziché in macchina.

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook

Sondaggio

  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    Di fronte ai gravi problemi di salute che provocano gli impianti alla cittadinanza tarantina, non è meglio pensare di...

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni

  • Seleziona una delle voci del sondaggio

  • Hai già votato per questo sondaggio

  • Altri sondaggi
  • Chiudere l'Ilva di Taranto?

    I Risultati:

    • Tenere aperti gli impianti: per il Sud, e per l'Italia, sarebbe un'ecatombe
    • 0%

    • Chiudere gli impianti: né i privati né lo Stato sono in grado di fare fronte agli investimenti necessari per produrre acciaio senza procurare danni
    • 0%

  • Altri sondaggi
 
 
 
RC Auto: risparmia fino a 500€!

Confronta 18 assicurazioni e risparmia!

Mutui: risparmia fino a 15.000€!

Confronta le offerte delle migliori banche!

Prestiti: risparmia fino a 2.000€!

Confronta le migliori finanziarie e risparmia

 

Documento senza titolo


    • Cosa si dice su #DiPietro

TOP 10 DI PANORAMA Italia

ITALIA